dal 7 Ottobre 2008

PUBBLICITA' ?  NO, GRAZIE


>>>>>>>>>> SOSTIENI L'INIZIATIVA FIRMANDO LA PETIZIONE NAZIONALE ! <<<<<<<<<<

Condividi su Facebook

La pubblicità in cassetta ? Rispediscila al mittente e fatti pagare il disturbo (magari in contrassegno) !

Codice Civile - Libro Quarto "Delle obbligazioni", Titolo VII "Del pagamento dell'indebito"
 
Art. 2037 c.c. "Chi ha ricevuto indebitamente una cosa determinata è tenuto a restituirla"
Art. 2040 c.c. "Colui al quale è restituita la cosa è tenuto a rimborsare il possessore delle spese e dei miglioramenti"

Sostienici : inserisci il banner nel tuo sito promuovendo l'iniziativa e avvisaci, sarai inserito nella lista dei siti amici

 

 

 

 

Codice da inserire nelle vostre pagine web:

 

EMAIL

AUTORE

 
Segnala l'iniziativa a un amico
Email dell'amico 
Tua email
Tuo nome  
Titolo Email   
Messaggio (facoltativo)  
 

LA LEGGE

 

ART 41 COSTITUZIONE

Art. 41. L'iniziativa economica privata è libera.

Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

 

E' indubbio che la pubblicità commerciale rappresenti una fase della esplicazione della libertà economica. L'art 41 della Costituzione infatti recita che "L'iniziativa economica privata è libera". Lo stesso articolo aggiunge però che essa "Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana". E l'invasività del volantinaggio va in questa direzione, violando con il suo martellamento sia la nostra libertà di decisione che la nostra sfera di riservatezza e quiete privata, per non parlare della sicurezza.

 

CODICE PENALE

Sezione III: DEI DELITTI CONTRO LA LIBERTA' MORALE

Art. 610 Violenza privata

Chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere

qualche cosa e' punito con la reclusione fino a quattro anni. La pena e' aumentata se

concorrono le condizioni prevedute dall'articolo 339. 

 

 

ART 58 CODICE DEL CONSUMO

(DECRETO LEGISLATIVO 6 SETTEMBRE 2005, N. 206 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI)

 

 

http://www.sviluppoeconomico.gov.it/pdf_upload/documenti/phpH82IrK.pdf

Articolo 58

Limiti all’impiego di talune tecniche di comunicazione a distanza

 

1.  L’impiego da parte di un professionista del telefono, della posta elettronica, di

sistemi automatizzati di chiamata senza l’intervento di un operatore o di fax

richiede il consenso preventivo del consumatore.

2.  Tecniche di comunicazione a distanza diverse da quelle di cui al comma 1, qua-

lora consentano una comunicazione individuale, possono essere impiegate dal

professionista se il consumatore non si dichiara esplicitamente contrario30.

30

 Vedi Art. 19 bis decreto legge 30 dicembre 2005 n. 273 (convertito con legge 23 febbraio

2006, n. 51, pubblicata su G. U. del 28 febbraio 2006, Suppl. Ord. n. 47/L) recante defi nizione e

proroga di termini, nonché conseguenti disposizioni urgenti. Proroga di termini relativi all’inizio

di deleghe legislative. «Art. 19 bis - (Deroga al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196). - 1.

L’articolo 58, comma 2, del codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005,

n. 206, si applica anche in deroga alle norme di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196».

 

In sostanza vi è una divisione in due filoni delle tecniche

di comunicazione a distanza

 

Nel primo filone (comma 1) vi rientrano esplicitamente  TELEFONO, POSTA ELETTRONICA, SISTEMI AUTOMATIZZATI DI CHIAMATA, FAX. Per questi strumenti è necessario il consenso preventivo del consumatore/destinatario.

Nel secondo filone (comma 2), vi rientra tutto il resto, e l’impiego è possibile sempre, salvo esplicita contrarietà del consumatore/destinatario. Il secondo comma, ripreso dal Milleproroghe del 2006 (art.18 bis della Legge 23 febbraio 2006 n.51, di conversione del decreto legge 30 dicembre 2005 n.273), è attuato in deroga alla legislazione sulla protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003 n.196).

 

Quindi, non rientrando la corrispondenza postale nel comma 1, finisce per non ricevere garanzie dalla legge sulla protezione dei dati personali

in quanto il secondo comma va in deroga.

Però il comma 2 aggiunge: “qualora consentano una comunicazione individuale”.

Non v’è dubbio che per comunicazione individuale si debba intendere comunicazione indirizzata, ovvero corrispondenza postale indirizzata. Il Direct Mailing che non riporta il nome e l’indirizzo del destinatario non può ragionevolmente considerarsi rientrante nella tipologia di “Comunicazione Individuale”.

Inoltre salta subito all’occhio la forte somiglianza e analogia della corrispondenza postale con la POSTA ELETTRONICA, il TELEFONO e il FAX, e pure con i SISTEMI AUTOMATIZZATI DI CHIAMATA, se consideriamo il modus operandi del volantinaggio.

Sono tutti sistemi accomunati dal fatto che occorre reperire i dati di indirizzo del destinatario quali ad esempio numero telefonico ed indirizzo email, se ciò non si facesse non si potrebbe né spedire l’email né telefonare né mandare un fax etc. Tenendo anche conto del fatto che oggigiorno è possibile non comparire dai pubblici elenchi telefonici.

Per la corrispondenza postale il discorso è uguale, occorre l’indirizzo (il Direct Mailing infatti ha bisogno del reperimento dei dati), solo che fisicamente, data la prospicenza delle caselle postali a luoghi di transito pubblici o aree comuni condominiali, è possibile aggirare questo ostacolo oneroso e sviluppare forme di Direct Mailing selvaggio, a destinatario anonimo.

 

Il Direct Mailing, ovvero la forma postale di Direct Marketing è così descritto dalle stesse Poste Italiane http://www.aidim.it/DM_RICERCA_SINTESI.ppt

Il direct mailing è uno strumento di direct marketing attraverso cui le aziende inviano per posta materiale pubblicitario e promozionale indirizzato.

Come tale, si esclude quindi dall’area del direct mailing il materiale pubblicitario e promozionale che non riporta il nome e l’indirizzo del destinatario (es. volantini e leaflet inseriti direttamente nella cassetta postale).

La forma indirizzata è comunque soggetta al “Codice di autodisciplina, deontologia e buona condotta per l'uso dei dati personali a fini di direct marketing” per gli iscritti all’AIDM,  l’Associazione Italiana per il Direct Marketing

http://www.aidim.it/codice_autodisciplina.pdf

 

La corrispondenza postale quindi non può rientrare nel comma 2 ma invece va inserita espressamente nel comma 1, al fine di far cessare la forma selvaggia a destinatario anonimo, facendo prevalere solo la forma indirizzata e a consenso preventivo.

 

 

Sarà inoltre richiesto l'intervento delle seguenti istituzioni

COMMISSIONE EUROPEA - DIREZIONE GENERALE SALUTE E CONSUMATORI

ANTITRUST – AUTORITA’ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

 

in quanto il fenomeno non indirizzato di volantinaggio pubblicitario va contro la

DIRETTIVA 2005/29/CE

relativa alle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori

la pratica del volantinaggio pubblicitario postale non indirizzato non può che rientrare tra le

PRATICHE COMMERCIALI IN OGNI CASO AGGRESSIVE indicate dalla direttiva europea

 

Art. 26. - Pratiche commerciali considerate in ogni caso aggressive

1. Sono considerate in ogni caso aggressive le seguenti pratiche commerciali:

b) effettuare visite presso l'abitazione del consumatore, ignorando gli inviti del consumatore a lasciare la sua residenza o a non ritornarvi, fuorche' nelle circostanze e nella misura in cui siano giustificate dalla legge nazionale ai fini dell'esecuzione di un'obbligazione contrattuale;

c) effettuare ripetute e non richieste sollecitazioni commerciali per telefono, via fax, per posta elettronica o mediante altro mezzo di comunicazione a distanza, fuorchè nelle circostanze e nella misura in cui siano giustificate dalla legge nazionale ai fini dell'esecuzione di un'obbligazione contrattuale, fatti salvi l'articolo 58 e l'articolo 130 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;

 

(la parte non grassettata dell'articolo non è da prendere in considerazione in quanto nel nostro caso non vi è nessuna obbligazione contrattuale sottostante, e il decreto legislativo richiamato non è altro che il  "Codice in materia di protezione dei dati personali", che come si diceva qui sopra, viene derogato dall'articolo 58 comma 2 del Codice del Consumo,

articoli richiamati che comunque non riguardano il fenomeno in oggetto.)

 

 

l'articolo indicato fa parte del Decreto Legislativo 2 agosto 2007, n. 146  di    

"Attuazione della direttiva 2005/29/CE relativa alle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori nel mercato interno e che modifica le direttive 84/450/CEE, 97/7/CE, 98/27/CE, 2002/65/CE, e il Regolamento (CE) n. 2006/2004. "

articoli andati poi a sostituire il Codice del Consumo

(ovvero gli artt dal 18 a 27 del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206)

 

Per una lettura completa del decreto legislativo di attuazione della direttiva

http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/07146dl.htm

 

Definizione di Pratica commerciale aggressiva (dallo stesso testo)

 

Art. 24.
Pratiche commerciali aggressive

1. E' considerata aggressiva una pratica commerciale che, nella fattispecie concreta, tenuto conto di tutte le caratteristiche e circostanze del caso, mediante molestie, coercizione, compreso il ricorso alla forza fisica o indebito condizionamento, limita o e' idonea a limitare considerevolmente la libertà di scelta o di comportamento del consumatore medio in relazione al prodotto e, pertanto, lo induce o e' idonea ad indurlo ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso.

 

 

 

SENTENZE

 

Sentenza di riferimento è quella del Giudice di Pace di Bari del 22 Dicembre 2003 (“L'ECCESSO DI CORRISPONDENZA PUBBLICITARIA E' RAGIONE DI DANNO ESISTENZIALE"),  precedente il Codice del Consumo che è del 6 settembre 2005.

 

un tratto saliente della sentenza:

"Orbene, non può revocarsi in dubbio che la cassetta delle lettere, recante il nome dell'attore, sia di proprietà esclusiva di quest’ultimo, ancorché facente parte di un unico mobile, comprendenti altri nominativi riferibili ai vari condomini dello stabile, e che la funzione specifica a cui è asservita, è quella di raccogliere gli atti di corrispondenza indirizzati all’intestatario, unico legittimato ad estenderne l’utilizzazione anche per altri fini, non escluso quello di ricevere qualsivoglia forma di pubblicità."

 

I riferimenti online a riguardo sono molti, allego il seguente

 http://www.personaedanno.it/cms/data/articoli/002337.aspx

 

Chi è al corrente di altre pronunce è invitato a segnalarlo tramite email,

info@pubblicitanograzie.org

 

 

 

Facebook

 

Cos’è il Volantinaggio Pubblicitario Postale non indirizzato e quali sono le Problematiche

 

Il Casellario Condominiale della Pubblicità e Avvisi di non gradimento

 

HOME

 

LA NOSTRA PROPOSTA


   

SITI AMICI: - www.ilnazionale.net - www.pesmania.it - www.sdjtuning.com - www.meteocarmignano.it - www.carta.org

www.buonaidea.it - bardozza.blogspot.com - gavavenezia.blogspot.com - cocosauro.blogspot.com - Free PageRank Checker